16 Flares Twitter 12 Facebook 3 Google+ 1 LinkedIn 0 Pin It Share 0 Email -- 16 Flares ×

E’ accaduto, Facebook si è quotato in Borsa. In questi giorni in giro se ne è fatto fa un gran parlare in maniera seria o superficiale, fatto sta che è un evento economico senza precedenti (=sòssordi).

Gli addetti ai lavori, e non solo, si stanno concentrando nel prevedere cosa potrebbe far morire il colosso blu, al riguardo rimando all’elenco  di Skande che mi trova pienamente d’accordo. Ma manca una cosa!

Infatti la morte di Facebook non avverrà per un miracoloso ritorno di Google+, non sarà colpa di Twitter e nemmeno della Next Big Thing.

Se Facebook dovesse di colpo sgonfiarsila colpa sarà delle notifiche degli eventi.

Continue, incessanti, molte volte inutili.

Lo strumento degli eventi di Facebook, anche se rivisto e aggiornato di recente, è probabilmente uno dei tool peggio usati nel mondo dei social network, ma non è solo colpa di marketer poco attenti o di aziende senza idee, ma delle notifiche, simpatiche come una zanzara tigre di notte.
Sono così tante, fastidiose, che la gente si è assuefatta, non stimolano ne la fantasia ne l’attenzione.

La notifica è uno degli elementi vincenti del Social Network da 38€ ad azione, e se la gente non ne sarà più schiava Facebook probabilmente avrà un problema.

PS. Il titolo è un plagio di questo